La nostra Mostra su “in Valmarecchia” Febbraio 2013-n.29

Segnaliamo altri due articoli sulle mostre di Rimini Ricama apparsi di recente sulla rivista “in Valmarecchia” (Febbraio 2013, dalla pagina 36).

Uno si intitola “Le trine e il formaggio oggi sposi – Un curioso connubio”. La mostra dallo stesso titolo è stata suggerita da Rita Oliva e allestita da Mara Prioli in occasione dell’apertura delle fosse contenenti il famoso formaggio di fossa di Talamello.

L’altro, riguarda la mostra “La Sacralità si ammanta di trine”, allestita a Rimini, nell’ottobre 2012, dalle socie di Rimini Ricama con la direzione artistica di Mara Prioli.

Qui il link : http://www.lavalmarecchia.it/invalmarecchia/numero_29/index.php

Buona Lettura!

I NOSTRI CORSI Margarete,Macramè,Ricamo e Tombolo

Ecco il programma dei nostri corsi di ricamo e macramè. Vi attendiamo numerose!

Corso di Margarete e Macramè            Rimini-Via Stelvio 6

Lunedì pomeriggio ore 15.00 / 18.30

Insegnante Albertina Fattori

 

Corso di Ricamo e Tombolo           Rimini Celle-Quartiere 5

Martedì pomeriggio     ore 15.00 / 18.30 (Ricamo)

Mercoledì pomeriggio ore 15.00 / 18.30  (Ricamo e Tombolo)

Insegnante Irene Razzani

 

Corso di Ricamo                         S.Arcangelo-S.Bartolomeo

Lunedì pomeriggio ore 15.00 / 18.30

Giovedì sera ore 20.30 / 23.00

Insegnante Irene Razzani

Per informazioni e iscrizioni:

tel.  0541 21500 (Albertina) –  349 1204930 (Irene)

8 MARZO: I FILI SI INCONTRANO

In occasione della Festa della Donna ci incontreremo tutte in un luogo dolce e profumato; la pasticceria-cioccolateria Rinaldini, in via Coletti a Rivabella. L’appuntamento è alle ore 16 di venerdì 8 marzo 2013.

“I fili si incontrano”, questo il titolo scelto per il nostro pomeriggio da gustare in compagnia. Noi Donne, fra chiacchiere, ricami e condivisioni. Come sempre, col sorriso. Vi aspettiamo!

“La Sacralità si Ammanta di Trine” – Video presentazioni lavori

RIMINI RICAMA MOSTRA

“La Sacralità si ammanta di trine”

“Le trine e il formaggio oggi sposi”

01

In occasione dell’apertura delle fosse contenenti formaggio di fossa di Talamello,dal 11 al 18 Novembre, Rimini Ricama era presente con l’allestimento di manufatti e pizzi nella Celletta Mausoleo. La mostra, dal titolo “Le trine e il formaggio oggi sposi”, è stata allestita da Mara Prioli. Questo curioso connubio è stato suggerito da Rita Oliva, nota critica d’arte ed amica di Rimini Ricama. Un ringraziamento al sindaco Francesca Ugolini e al parroco don Armando Evangelisti per la collaborazione e la disponibilità di abiti talari e accessori per la mostra. Un ringraziamento speciale anche a Roberto Farneti per l’efficacia della sua collaborazione.

    

    

    

    

    

La celletta

Cappella votiva voluta dal vescovo Giovanni Seclani nel 1437. Completamente affrescata da uno dei più famosi pittori di quel periodo, Antonio Alberti, originario di Ferrara ma da tempo residente ad Urbino. Nella parete di fondo sono dipinte scene della Annunciazione e della Madonna in Trono. Tutto intorno sono rappresentate l’Adorazione dei Magi, la Presentazione al Tempio e due schiere di santi, 6 santi uomini e 6 sante donne, i più venerati nel territorio. Nelle volte a crociera sono dipinti i quattro Evangelisti e negli angoli compaiono i Dottori della Chiesa. In pochi metri quadrati c’è gran parte della storia della Chiesa universale, in uno straordinario documento visivo, concepito e realizzato a cavallo fra la fine dell’arte gotica e l’inizio della pittura rinascimentale.

 

    

    

    

RIMINI RICAMA 6^ EDIZIONE “La Sacralità si ammanta di trine” – Immagini Mostra

RIMINI RICAMA 6^ EDIZIONE

Ci siamo! Venerdì 12 ottobre 2012, alle 16, si inauguerà la sesta edizione della mostra RIMINI RICAMA.

Il titolo di quest’anno è ” La Sacralità si ammanta di trine”.

Ci sarà anche un ombrello vescovile da processione, nel percorso storico-artistico fatto attraverso i paramenti sacri più belli e preziosi messi a disposizione da istituti religiosi e parrocchie del nostro territorio e allestiti nella Sala dell’Arengo da Mara Parma Prioli.

Fili d’oro intrecciati e ricamati da monache silenziose all’interno dei monasteri. Piccole grandi opere d’arte custodite per secoli con devozione, ma purtroppo nascoste agli occhi del pubblico.

“Grazie alla grande disponibilità delle suore e dei parroci contattati – spiega la presidente di Rimini Ricama Anna Maria Annibali – potremo finalmente ammirare oggetti di grande valore artistico e sacro che in pochi hanno avuto modo di conoscere. Il loro entusiasmo nel collaborare al nostro progetto ha reso possibile questa mostra, che, proprio per l’originalità e la preziosità di quanto esposto, rappresenta un’occasione decisamente unica e forse irripetibile.”

Saranno esposti infatti stole, pianete, stendardi, quadri e oggetti sacri, anche molto antichi, provenienti da:

Congregazione Suore Francescane Missionarie di Cristo (Sant’Onofrio) di Rimini, Congregazione Suore di Carità SS. Bartolomea Capitanio e Vincenza Gerosa di Rimini, Istituto Maria Bambina di Rimini, Monastero Monache Agostiniane di Pennabilli, Parrocchia San Nicolò di Rimini, Parrocchia SS. Giovanni e Paolo di San Giuliano Mare, Parrocchia di San Giiuliano Martire di San Giuliano Borgo, Parrocchia Santissimo Crocifisso di Talamello, Parrocchia San Mauro Vescovo di San Mauro Pascoli, Parrocchia Collegiata di Santarcangelo.

Sarà presente anche il LAVS (Laboratorio Paramenti Sacri) di Santarcangelo, fornitore del Santo Padre e dei Cardinali.

L’associazione OIKORELMA di Santa Caterina Villarosa, nata all’interno del Progetto Policoro, ha dovuto purtroppo rinunciare per impossibilità organizzative dell’ultima ora.

Naturalmente, come sempre, anche tutte le socie di Rimini Ricama esporranno i loro manufatti più belli.

Palazzo del Podestà – Sala Arengo

piazza Cavour – Rimini

dal 12 al 22 ottobre 2012

orari: tutti i giorni dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 19.00.

Un ringraziamento particolare a:

Provincia di Rimini, Servizio Politiche di Genere e Pari opportunità

Comune di Rimini

Consorzio Piccoli Alberghi di Qualità

 

Appuntamento dall’8settembre al 28 ottobre 2012 a Sansepolcro

In particolare, Rimini Ricama porta a Sansepolcro l’esposizione “Le Quattro Stagioni”, quattro abiti da sogno creati dalle sue socie. L’Inverno, rappresentato da un abito con gonna candida di tulle cosparsa di cristalli, è una creazione di Teresa Gasperoni,così come la Primavera (arricchito di roselline di stoffa) e l’Autunno (con foglie dai caldi colori). L’Estate, invece, è espressa con un abito di Albertina Fattori e Laura Zengarini composto da un prezioso corpino in macramè.
Esporranno le loro opere anche Deanna Cupioli, Nadia Pagliarani e Morena Gatta.
Da segnalare, inoltre, la presenza nel catalogo della Mostra di altre tre socie, che portano così ulteriore prestigio alla realtà riminese: sono infatti fotografate le scarpe di macramè create da Albertina Fattori, i gioielli al tombolo di Rosina Botticelli e un asciugamano a ricamo myreschka di Irene Razzani.

Biennale internazionale del merletto di Sansepolcro,
XV Edizione
8 settembre – 28 ottobre 2012
Informazioni: Centro Culturale di Sansepolcro
via XX settembre, 99 – 52037 Sansepolcro (AR)
tel. e fax: 0575 049344
mail: ssepolcrolacebiennal@libero.it
Presidente: Cav. Paolo Piovaticci

Rimini Ricama alla Biennale di Sansepolcro 2012 – Video presentazioni lavori

Rimini Ricama alla biennale di Sansepolcro

Crocerossine e ricamatrici insieme per un defibrillatore pediatrico

Sabato 5 maggio, dalle 10 alle 18, presso il Caffè Pascucci di viale Vespucci verrà allestita una mostra curata dall’associazione “Rimini Ricama” e dalla sede riminese della Croce Rossa Italiana.

Come spiega Anna D’Araio, Ispettrice Provinciale delle Infermiere Volontarie (le cosiddette “crocerossine”), oltre ad alcune divise delle diverse componenti della CRI, segni distintivi della loro attività e dell’impegno umanitario che dura dal 1908, saranno esposte belle immagini che ne raccontano la storia.

Accanto a divise e fotografie, le maestre di “Rimini Ricama” mostreranno i più bei manufatti usciti dalla loro abili mani.

L’ingresso è libero. Eventuali offerte saranno destinate all’acquisto di un defibrillatore pediatrico per le ambulanze della CRI.